Don Tonino Bello: Sretan Božić, Sarajevo!

 
 



Don Branko Jurić, Vice-Rettore del Pontificio Collegio CS Teutonico in Vaticano, sacerdote di Sarajevo, si è interessato, in questi anni, alla vita e all’opera del vescovo don Tonino Bello. Nella ricorrenza del 30° anniversario della sua Marcia della pace a Sarajevo, ha voluto tradurre in croato il testo Buon Natale, Sarajevo (Luce e Vita, 68 (1992), n. 41 (27.12.1992), pp. 1-2.).e pubblicato sul sito web Vatican News .
Ne siamo felici, come anche Luce e Vita ha autorizzato la traduzione del diario del viaggio a Sarajevo All’inferno e ritorno, pubblicato in Antonio BELLO, Diari e scritti pastorali, La Nuova Mezzina, Molfetta 2017, pp. 103-111. Sarà certamente utile per la promozione dell’opera di don Tonino Bello in Bosnia-Erzegovina e Croazia. Certo, anche come ispirazione per tutti noi per le situazioni in cui ci troviamo di nuovo oggi.
Don Antonio (Tonino) Bello bio je mirotvorac, biskup Molfette i predsjednik pokreta Pax Christi Italia. Iako već operiran od raka želuca, 7. prosinca 1992., zajedno s petstotinjak volontera iz Ancone, praćen velikim nevremenom plovi prema dalmatinskoj obali odakle kreće u pohod koji će ga odvesti u Sarajevo, grad pod višemjesečnom opsadom i vatrom srpskih snajperista. Skupina koju je predvodio, nazvana Ujedinjene Nacije siromašnih, korača ulicama okupiranog grada, riskirajući živote i pozivajući na mir. Po povratku u svoju Apuliju, napisao je sljedeću božićnu poruku.

clic qui per l'articolo sul sito della Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi