no alle mescolanze tra fede e superstizione – il giornale della Arcidiocesi di Lecce

 
 


Da oggi 29 ottobre fino al 2 novembre compreso, il cimitero di Lecce resterà aperto con orario continuato dalle 7 alle 18 per le visite ai defunti.

 

 

 

E in vista di queste giornate così sentite dalla nostra gente, anche l’arcivescovo Michele Seccia ha stabilito un piccolo programma di celebrazioni. Il 1° novembre alle 15.30, come da lunga tradizione, presiederà l’eucarestia al cimitero di Lecce. Alla concelebrazione parteciperanno i parroci e i sacerdoti che operano in città. Il 2 novembre alle 18 presiederà in cattedrale una messa in suffragio dei suoi precessori, i vescovi di Lecce defunti. Infine, il 4 novembre alle 9 sarà di nuovo al cimitero e in occasione della Festa dell'Unità nazionale e della Giornata delle Forze armate celebrerà la messa in suffragio dei caduti di tutte le guerre.

“Come è noto - scrive mons. Seccia ai sacerdoti della diocesi in una lettera inviata per le ricorrenze d’inizio mese -, ci apprestiamo ad entrare nel mese di novembre, in cui tradizionalmente commemoriamo i nostri defunti. I fedeli e, in verità, anche coloro che abitualmente non frequentano le nostre comunità, sono soliti far visita al cimitero e ricordare i propri cari, portando dei fiori e recitando qualche preghiera. A noi sacerdoti spetta il compito di educare il nostro popolo a vivere con spirito di fede questa pia tradizione, incentivando la predicazione sulla vita eterna e ricordando quelle verità di fede che vengono spesso trascurate. Il nostro compito, però, non si deve limitare a un generico annuncio sui temi escatologici, ma, come già fate, deve incidere nella vita dei credenti, i quali sono chiamati a sentirsi avvolti dalla misericordia del Padre e a vivere in questo mondo come ‘cittadini del cielo’, circondati da ‘un gran numero di testimoni’, e “cercando le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra del Padre”.

Poi una raccomandazione di non poco rilievo a tutti sacerdoti: “vi ringrazio per il cammino di santificazione a cui spesso invitate i fedeli, affinché non vi sia alcuna mescolanza tra fede e pratiche superficiali o, persino, superstiziose. So anche molto bene quanto desideriate purificare le menti e i cuori da alcune nuove mode, come la festa di Halloween, che, sradicata dal suo senso cristiano, rischia di far cadere soprattutto i nostri giovani in errore”.

Sempre per quanto riguarda la città di Lecce in vista della Commemorazione dei fedeli defunti, l'amministrazione comunale ha predisposto un piano di viabilità che prevede, oltre alle variazioni alla circolazione veicolare in prossimità del cimitero, un servizio navetta per gli automobilisti dal City Terminal e un altro, con l'ausilio dei minibus, che arriverà anche all'interno di esso a beneficio soprattutto delle persone più fragili che si recheranno in visita ai propri cari.

In quell'arco orario, nei giorni di lunedì 1 e di martedì 2 novembre sarà attivo dalle 7 alle 18 un servizio di quattro navette gratuite. Per info basterà consultare il sito del comune di Lecce.

Nella mattinata del 2 novembre, come da tradizione, alle 9.30 il sindaco Carlo Salvemini renderà omaggio alle tombe di Vittorio Bodini e Tito Schipa e ai sindaci della città che riposano nel cimitero monumentale.

clic qui per l'articolo sul sito del giornale della Diocesi