rimosso il Cristo della Cattedrale Armena di Leopoli, sarà protetto in un bunker. Non accadeva dalla Seconda Guerra mondiale — Arcidiocesi Bari-Bitonto

 
 


La statua in legno di Gesù Cristo collocata nella Cattedrale armena di Leopoli è stata portata fuori dall’edifico e sarà conservata in un bunker. La decisione è stata presa per assicurare la conservazione del crocifisso visto l’intensificarsi del conflitto tra Russia e Ucraina. La notizia è rimbalzata in queste ore nella Rete con una foto delle fasi della rimozione. L’ultima volta che la statua è stata rimossa è stato durante la Seconda Guerra Mondiale.
Il Cristo di legno della cattedrale è uno dei simboli non solo della Chiesa Armena ma di tutta la città di Leopoli (Lviv in ucraino) e fa parte dei tesori che l’edificio conserva. La stessa cattedrale, fondata nel XIV secolo come chiesa armena apostolica, è uno dei luoghi più amati della città oltre che essere stata testimone del travaglio religioso e politico del paese. A metà degli anni Quaranta, i religiosi presenti, tra cui il parroco, Dionizy Kajetanowicz, furono deportati in un gulag in Siberia e uccisi. La cattedrale rimase per molti anni chiusa e usata come magazzino. Il 18 maggio 2003 la cattedrale è stata riconsacrata. All’interno vi sono affreschi e altre opere d’arte pressoché uniche.

Andrea Zaghi

© www.agensir.it, domenica 6 marzo 2022

clic qui per l'articolo sul sito diocesano